La scelta di Sanchez.

1455270461_022124_1455296449_noticia_fotograma

Se il partito socialista non collaborerà andremo a nuove elezioni, ha detto Mariano Rajoy ieri dopo l’incontro col segretario del Psoe. La trappola del premier en funciones si è stretta attorno al rivale, sulle cui spalle poggia ormai il peso del suo destino personale, in previsione del congresso autunnale, del futuro del suo partito, incalzato da Podemos che punta a sorpassarlo in voti e seggi, e la stabilità del paese, che rischia di rimanere senza un governo ancora a lungo.

Fino ad oggi il difficile equilibrio su cui ha poggiato la strategia del segretario socialista era piuttosto semplice. Augurarsi che Rajoy fosse in grado di fare un governo, senza sostenerlo, ma evitando comunque di tornare al voto. Dopo le parole del leader conservatore la strategia di Pedro Sanchez è fallita. L’astuta mossa di Rajoy, nella legislatura precedente, di lasciarlo presentarsi come candidato premier, avviando un negoziato con Podemos e Ciudadanos ha dimostrato ampiamente non solo l’inaffidabilità di Pablo Iglesias come interlocutore, ma l’inconciliabilità tra Psoe e Podemos. Qualunque riproduzione di un ”fronte popolare” in futuro sarà segnata dall’estenuante confronto fra tendenze moderate ed europeiste contro quelle radicali e no global, che rievocano la tragica esperienza della Seconda Repubblica spagnola.

Sanchez pagherà nelle urne il suo rifiuto di astenersi all’investitura di Rajoy, e non è neppure detto che questa scelta gli permetterà di conservare il suo posto alla guida dei socialisti spagnoli. Ma il giorno dopo le elezioni che verranno, qualcosa dovrà cambiare anche in casa popolare. Continuare ad insistere sulla persona di Mariano Rajoy alla presidenza del Governo, per quello che è (e molto probabilmente resterà ancora) il primo partito di Spagna finirà per essere un atteggiamento irresponsabile che finirà per fare male al paese ed al partito.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s